Coltivare la Albizia è facile. La Albizzia julibrissin è un alberello molto grazioso, con chioma a ombrello, fogliame ornamentale e una curiosa fioritura: in estate, da giugno a fine agosto, compaiono i graziosi fiori con stami molto lunghi che li rendono simili a piumini rosa.

Le foglie sono composte, bipennate, delicate, verde luminoso. è utilizzata anche come alberatura stradale per la sua resistenza allo smog.

[gallery size="medium" ids="4834,4833,4832"]

COLTIVARE LA ALBIZIA: I NOSTRI CONSIGLI

Cresce al sole o in mezz’ombra. Abbastanza rustica, viene coltivata in tutta Italia e tollera il gelo fino a -10°C. Le piante giovani richiedono una pacciamatura protettiva alla base, in inverno.

L’Albizia si innaffia in primavera ed estate se è giovane, mentre gli esemplari adulti necessitano di irrigazioni solo se il clima è siccitoso. La pianta teme i ristagni radicali.

Si adatta a qualsiasi terreno, purché ben drenato e non troppo pesante. Si può coltivare in vasi di grandi dimensioni, con ottimo drenaggio, rinnovando il terriccio superficiale ogni anno in marzo.

È consigliabile una concimazione in primavera, ma non bisogna eccedere: come tutte le Leguminose, fissa da sé l’azoto nel suolo.

L’Albizia è una pianta facile e poco esigente, ma è sensibile agli attacchi di Psilla: in caso di presenza del parassita, occorre effettuare subito un trattamento, prima che l’infestazione si espanda.

Si può potare a fine inverno per riordinare la chioma.